Cognomi E-N

ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO ITALIANO ED EUROPEO

Docenti: 
LUCIANI GIUSEPPE GIULIO
Crediti: 
6
Sede: 
PARMA
Anno accademico di offerta: 
2020/2021
Responsabile della didattica: 
LUCIANI GIUSEPPE GIULIO
Settore scientifico disciplinare: 
DIRITTO PRIVATO (IUS/01)
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano. Alcune esercitazioni possono essere tenute in lingua inglese.

Obiettivi formativi

a. Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding): il corso si articola idealmente in sei parti: l’ordinamento giuridico, quale contesto “ambientale” nel quale sorgono e si svolgono tutte le relazioni giuridiche; i soggetti, quali titolari degli interessi, di natura anche non patrimoniale, che possono essere soddisfatti per il tramite delle relazioni patrimoniali e quali titolari delle correlative facoltà di azione; i beni, quali oggetti di situazioni giuridiche soggettive; le tipologie di rapporti a contenuto patrimoniale (rapporti reali, obbligazioni e contratti), quali strumenti giuridici idonei a soddisfare interessi patrimoniali e non; lineamenti del diritto di famiglia e delle successioni.
b. Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding): al termine del corso gli studenti acquisiscono gli strumenti di base per operare, dal punto di vista giuridico, in qualità di operatori del mercato o di professionisti nel settore dei rapporti patrimoniali e non patrimoniali di diritto privato.
c. Autonomia di giudizio (making judgements): con il corso gli studenti acquisiscono l’autonomia di giudizio necessaria ad affrontare e risolvere i problemi di natura privatistica sorgenti dall’organizzazione e gestione, in particolare contrattuale, delle attività economiche degli enti operanti sul mercato o di fornire a questi ultimi le consulenze idonee alla loro soluzione dalla prospettiva privatistica.
d. Abilità comunicative (communication skills): Gli studenti sono in grado di rapportarsi all’interno dell’ente e con gli altri operatori del mercato o con gli utilizzatori finali dei beni e servizi (imprese, consumatori) in particolare negli àmbiti della contrattualistica commerciale e di consumo, della gestione ed organizzazione degli enti non profit e della responsabilità civile.
e. Capacità di apprendere (learning skills): Il corso è congegnato in modo tale da consentire allo studente di acquisire i metodi propri della valutazione giuridica dei fatti alla luce delle norme, ai fini dell’applicazione di queste ultime.

Prerequisiti

Conoscenze base del diritto privato.

Contenuti dell'insegnamento

L’insegnamento ha la finalità di illustrare agli studenti i fondamentali principi e le più importanti norme che governano il diritto privato italiano ed europeo, con particolare attenzione ai rapporti patrimoniali.

Programma esteso

1. L’ORDINAMENTO GIURIDICO
1.1. Il diritto privato ed il diritto pubblico.
1.2. Le fonti del diritto interno e comunitario.
1.3. I fatti e gli effetti giuridici. La norma giuridica, l’interpretazione della legge, i fatti e gli atti giuridici, le situazioni giuridiche soggettive, il rapporto giuridico e le sue vicende, la circolazione delle situazioni giuridiche, la prescrizione e la decadenza.
1.4. La pubblicità dei fatti giuridici.

2. I SOGGETTI
2.1. La persona fisica. La capacità giuridica, la capacità di agire, la capacità naturale, le incapacità e le tutele, i luoghi in cui la persona esercita le sue attività e radica i suoi interessi, l’estinzione della persona.
2.2. I diritti della personalità. Generalità e singoli tipi.
2.3. Le persone giuridiche. Gli enti quali soggetti di diritto. La personalità giuridica.
2.4. Tipologie di persone giuridiche: associazioni, fondazioni, comitati.

3. I BENI
3.1. I beni. Nozione e classificazioni.
3.2. Il regime giuridico della circolazione dei beni.

4. I RAPPORTI GIURIDICI A CONTENUTO PATRIMONIALE
4.1. I rapporti giuridici reali. I diritti reali e loro caratteristiche.
4.2. La proprietà nel diritto comunitario, nella Costituzione e nel codice civile.
4.3. I modi di acquisto della proprietà.
4.4. I diritti reali minori.
4.5. Il possesso. Le azioni possessorie e petitorie.
4.6. Il rapporto obbligatorio. L’obbligazione e le sue caratteristiche. Gli obblighi di prestazione e gli obblighi di protezione. Le obbligazioni senza obbligo di prestazione.
4.7. Le vicende costitutive del rapporto obbligatorio. Le fonti dell’obbligazione.
4.8. Le vicende modificative soggettive ed oggettive del rapporto medesimo.
4.9. Le vicende estintive del rapporto obbligatorio. L’adempimento e gli altri modi di estinzione dell’obbligazione.
4.10. L’inadempimento dell’obbligazione.
4.11. Il contratto in generale. L’autonomia contrattuale, il negozio giuridico e il contratto.
4.12. Il profilo strutturale del contratto. Definizione e classificazioni.L’accordo e i procedimenti di formazione dell’accordo, le parti, il contenuto, la forma.
4.13. Le patologie della struttura. L’invalidità, la nullità, l’annullabilità, la simulazione e la rescissione.
4.14. Il profilo funzionale del contratto. Il regolamento di interessi, l’interpretazione, l’efficacia del contratto, la condizione e il termine. Lo scioglimento del rapporto contrattuale.
4.15. I contratti dei consumatori. Le clausole vessatorie.
4.16. I contratti commerciali: la subfornitura, il ritardo dei pagamenti nelle transazioni commerciali.
4.17. I singoli contratti: compravendita, mandato, commissione, liberalità, donazione, locazione, affitto, appalto, agenzia, leasing, fideiussione, contratto autonomo di garanzia, contratti rivolti a comporre e prevenire le liti.

5. LA RESPONSABILITÀ CIVILE
5.1. La responsabilità contrattuale.
5.2. La responsabilità extracontrattuale. I fatti illeciti. Le varie forme di responsabilità aquiliana.
5.3. La responsabilità per violazione di regole interne ad un rapporto avente fonte diversa dal contratto e dal fatto illecito.
5.4. Il danno risarcibile, patrimoniale e non patrimoniale.
5.5. Il danno alla persona: dal danno biologico al danno esistenziale.
5.6. Le tecniche risarcitorie.

6. DIRITTO DI FAMIGLIA E DELLE SUCCESSIONI.
6.1. Lineamenti di diritto di famiglia.
6.2. Lineamenti di diritto delle successioni.

Bibliografia

Unico testo da studiare per l'esame è: LUCA DI NELLA, Lezioni di Diritto Privato italiano ed europeo, Parma, ultima edizione.
Il programma da studiare ai fini dell’esame coincide con l’intero testo.
Quale supporto alla preparazione si consiglia l'uso di:
- De Nova (a cura di), Codice civile e leggi complementari, Bologna, Zanichelli, ultima edizione
- Di Majo (a cura di), Codice civile con la Costituzione, i Trattati U.E. e le principali norme complementari, Milano, Giuffrè, ultima edizione
- altra edizione del Codice Civile con le principali fonti europee, Costituzione e leggi complementari, ultima edizione.

Metodi didattici

Lezioni frontali di carattere teorico-pratico, con approfondimenti ed esercitazioni, a opera di docenti ed esperti anche internazionali.
Acquisizione delle conoscenze: lezioni frontali.
Acquisizione della capacità di applicare le conoscenze: esercitazioni.
Acquisizione dell’autonomia di giudizio: gli studenti verranno stimolati a individuare le soluzioni dei casi che verranno proposti durante le lezioni.
Acquisizione delle capacità di apprendimento: per ogni argomento si partirà dalla illustrazione del fenomeno che il legislatore ha regolato e si analizzeranno criticamente e in prospettiva applicativa le norme adottate.
Acquisizione del linguaggio tecnico: durante l’insegnamento verrà illustrato ed applicato il linguaggio tecnico-giuridico.

Modalità verifica apprendimento

La valutazione conclusiva si svolge mediante un esame composto da una parte in forma scritta e da una parte orale.
Lo scritto consiste nel rispondere in un’ora a cinque domande aperte prestampate su un foglio formato A4 fronte-retro.
Durante la prova scritta è proibito l’uso di qualsiasi tipo di codici, testi normativi, appunti, telefonini, supporti informatici e similari.
Sono ammessi all'orale soltanto coloro che superano la prova scritta, mediante comunicazione effettuata nella pagina web del docente in cui sono indicati esclusivamente gli ammessi e la data dell'orale, senza il voto.
La prova orale deve essere sostenuta nella data appositamente fissata; al termine della stessa verrà comunicato l'esito complessivo della prova con la formulazione di un voto unico.
Le domande scritte vengono valutate nel loro complesso accertando le conoscenze, la capacità di applicare le conoscenze, la capacità di comunicare con linguaggio tecnico adeguato, l’autonomia di giudizio e la capacità di apprendere.
Anche la prova orale verrà valutata sulla base dei predetti criteri.
Ad ognuno dei cinque criteri vengono assegnati fino ad un massimo di 6 punti, la cui somma dà il voto finale, al quale può aggiungersi la lode in caso di prova più che eccellente.

Altre informazioni

Durante il corso potranno essere organizzati dei seminari di esperti su argomenti del programma.
Nella pagina web del docente sono disponibili materiali per l'approfondimento delle tematiche affrontate nel corso.