ECONOMIA E GESTIONE IMPRESE

Docenti: 
SABBADIN Edoardo
Crediti: 
9
Sede: 
PARMA
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Settore scientifico disciplinare: 
ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (SECS-P/08)
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano

Lingua dell'insegnamento: 

italiano

Obiettivi formativi

a. Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Il corso fornisce modelli e strumenti strategici e operativi di gestione di imprese industriali e di servizi. I contenuti sviluppati faranno riferimento alle best practices nell’ambito della progettazione e gestione dei processi aziendali e consentiranno agli studenti un miglioramento del processo decisionale.
Alla fine del corso lo studente avrà acquisto le conoscenze indicate nel seguito e sarà in grado di:
• analizzare l’ambiente competitivo esterno;
• effettuare uno studio di settore;
• comprendere le tendenze prevalenti nello sviluppo di strategie di business;
• conoscere il ruolo delle risorse e delle competenze nel successo competitivo di un’impresa e come base per formulare la strategia;
• Comprendere il ruolo delle diverse funzioni aziendali e le interrelazioni tra le stesse;
• Conoscere i principi della progettazione organizzativa e le principali innovazioni organizzative, che hanno caratterizzato l’evoluzione delle imprese moderne.

b. Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)
Al termine del corso gli studenti avranno una visione completa delle problematiche di gestione integrata delle attività d’impresa sia nel settore manifatturiero sia in quello dei servizi.
La capacità di applicazione delle conoscenze sarà sviluppata mediante il metodo didattico dell’analisi di casi e mediante discussione guidate su articoli selezionati dal docente e con lavori di gruppo finalizzati a sistematizzare le testimonianze aziendali.

c. Autonomia di giudizio (making judgements)
Alla fine del percorso di formazione gli studenti saranno in possesso di modelli, schemi e strumenti gestionali che consentiranno loro di scegliere quelli più adatti al contesto aziendale e competitivo di riferimento.

d. Abilità comunicative (communication skills)
Il coinvolgimento degli studenti fin dall’inizio del corso in discussioni guidate dal docente, che prevedono una partecipazione attiva e, anche critica degli studenti, fornirà un rilevante contributo al miglioramento delle capacità di comunicazione, di interazione e di lavorare in gruppo. Infatti, la fase finale del percorso d’apprendimento prevede la presentazione da parte degli studenti di lavori di gruppo focalizzati su casi aziendali, che rappresentano un ulteriore rilevante momento di sviluppo di capacità di comunicazione.

e. Capacità di apprendimento (learning skills)
Al termine del corso gli studenti avranno maturato la capacità di selezionare le migliori fonti di aggiornamento professionale. La rete web oggi consente anche con un limitato dispendio di risorse un continuo e costante aggiornamento professionale, un miglioramento delle conoscenze sia in riferimento agli aspetti di metodo sia di contesto competitivo.

a. Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding)
Al termine del corso, lo studente avrà acquisito competenze di base nel campo delle gestione d’impresa. In particolare gli studenti svilupperanno conoscenze avanzate su:
− L’ambiente competitivo;
− Le risorse e le competenze distintive;
− la gestione strategica;
− la strategia di crescita;
− la pianificazione strategica;
− la gestione delle risorse umane;
− la gestone di marketing;
− la gestione delle operations;
− la gestione logistica;
− La gestione finanziaria
− la gestione della Ricerca e dell’innovazione

Tali risultati in termini di conoscenze e capacità di comprensione saranno conseguiti mediante l’impiego combinato di lezioni frontali e di simulazioni

b. Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding)
Lo studente possiederà le conoscenze necessarie per selezionare ed applicare gli strumenti metodologici e di analisi più appropriati, adattandoli ai diversi contesti di riferimento. Più in particolare al termine del corso gli studenti avranno una visione completa delle problematiche di gestione di impresa. La capacità di applicazione delle conoscenze acquisite potrà avvenire attraverso la riflessione critica sui testi proposti per lo studio individuale, ma anche attraverso l’approfondimento di specifici casi di studio e lo svolgimento di lavori di gruppo.

c. Autonomia di giudizio (making judgements)
Al termine del corso lo studente sarà in grado di utilizzare gli strumenti analitici acquisiti in materia di analisi ed interpretazione al fine di sviluppare e sostenere la propria autonomia di giudizio. Questa si esprimerà attraverso la capacità di sviluppare un processo individuale di riflessione sui dati raccolti e di articolare una elaborazione/interpretazione degli stessi in termini sia qualitativi che quantitativi. Gli studenti saranno quindi messi nelle condizioni di assumere decisioni strategiche e di individuare soluzioni operative, anche in condizioni di incertezza, rispetto alle diverse problematiche di gestione d’impresa. L’obiettivo dell’autonomia di giudizio verrà perseguito attraverso l’impiego combinato di diversi strumenti didattici, come la realizzazione di simulazioni e la loro presentazione/discussione in aula.

d. Abilità comunicative (communication skills)
Durante il corso gli studenti potranno acquisire adeguate capacità di comunicazione. In particolare verrà richiesto agli studenti di trasferire chiaramente, in modo sintetico, puntuale e coerente, ad interlocutori diversi (sia accademici che aziendali), informazioni e concetti (anche complessi) relativi a problematiche specifiche di gestione d’impresa. Al termine dei lavori di gruppo gli studenti sapranno trasferire informazioni in modo chiaro e senza ambiguità ai vertici così come alla base aziendale, agli stakeholders e ad un pubblico di “non specialisti”.

e. Capacità di apprendimento (learning skills)
Al termine del corso gli studenti avranno maturato la capacità di ampliare, aggiornare ed approfondire il livello e la varietà delle conoscenze acquisite in aula e studiando sui libri di testo. Più in particolare lo sviluppo di tali abilità porterà gli studenti ad adottare un approccio di costante curiosità intellettiva e di continuo aggiornamento (anche in modo autonomo) delle informazioni e dei dati utili per affrontare le problematiche di gestione di’impresa in uno scenario di continua evoluzione. Questa capacità di auto-apprendimento verrà consolidata durante i momenti di studio individuale e collettivo finalizzati sia alla preparazione delle lezioni che alla preparazione della prova finale.

Prerequisiti

Contenuti dell'insegnamento

Il Corso ha l’obiettivo di fornire i concetti e i modelli per analizzare e comprendere i meccanismi competitivi, formulare strategie e gestire i processi aziendali. Inoltre, il corso di Economia e Gestione delle Imprese si propone di fornire risposte ai seguenti quesiti: Come si studia un settore industriale? In base a quali schemi si analizza il contesto competitivo? Quali sono i più importanti modelli di management? Quali le principali fasi evolutive della cultura manageriale?
Il corso è organizzato in tre sezioni. La prima ha l’obiettivo di fornire gli strumenti concettuali che consentono l’analisi dell’ambiente competitivo di riferimento. La seconda parte è finalizzata a chiarire le caratteristiche dei modelli di management più significativi sia con riferimento alle imprese industriali sia alle imprese di servizi. La terza sezione si concentra sulla presentazione dei principali strumenti di gestione d’impresa e pone particolare attenzione alla gestione dei processi.
In dettaglio, i contenuti delle lezioni sono: L’analisi competitiva. L’analisi del settore e del sistema competitivo. Le mappe cognitive e gli scenari. La globalizzazione e le implicazioni sul governo dell’impresa. La teoria delle risorse e delle competenze. La formulazione della strategia d’impresa. L’evoluzione dei modelli di management. Taylor, il Fordismo e la produzione di massa. Il Total Quality Management (TQM). Il sistema Toyota e la produzione snella. Il business process reengineering (BPR). L’innovazione e la gestione delle nuove tecnologie. Le funzioni aziendali e la gestione dei processi. Le relazioni tra imprese, la gestione degli acquisti e dei rapporti di fornitura. La gestione del processo produttivo. L’organizzazione d’impresa. La gestione delle risorse umane. I principali modelli di management delle imprese di servizi. La gestione integrata delle attività operative nelle imprese di servizi.

Il Corso ha l’obiettivo di fornire i concetti e i modelli per analizzare e comprendere i meccanismi competitivi, formulare strategie e gestire i processi aziendali. Inoltre, il corso di Economia e Gestione delle Imprese si propone di fornire risposte ai seguenti quesiti: Come si studia un settore industriale? In base a quali schemi si analizza il contesto competitivo? Quali sono i più importanti modelli di management? Quali le principali fasi evolutive della cultura manageriale? Il corso è organizzato in tre sezioni. La prima ha l’obiettivo di fornire gli strumenti concettuali che consentono l’analisi dell’ambiente competitivo di riferimento. La seconda parte è finalizzata a chiarire le caratteristiche dei modelli di management più significativi sia con riferimento alle imprese industriali sia alle imprese di servizi. La terza sezione si concentra sulla presentazione dei principali strumenti di gestione d’ impresa e pone particolare attenzione alla gestione dei processi. In dettaglio, i contenuti delle lezioni sono: L’analisi competitiva. L’analisi del settore e del sistema competitivo. Le mappe cognitive e gli scenari. La globalizzazione e le implicazioni sul governo dell’impresa. La teoria delle risorse e delle competenze. La formulazione della strategia d’ impresa. L’evoluzione dei modelli di management. Taylor, il Fordismo e la produzione di massa. Il Total Quality Management (TQM). Il sistema Toyota e la produzione snella. Il business process reengineering (BPR). L’ innovazione e la gestione delle nuove tecnologie. Le funzioni aziendali e la gestione dei processi. Le relazioni tra imprese, la gestione degli acquisti e dei rapporti di fornitura. La gestione del processo produttivo. L’ organizzazione d’impresa. La gestione delle risorse umane. I principali modelli di management delle imprese di servizi. La gestione integrata delle attività operative nelle imprese di servizi.

Programma esteso

L’analisi dell’ambiente competitivo
Le mappe cognitive e gli scenari.
La teoria delle risorse e delle competenze.
L’evoluzione dei modelli di management.
Taylor, il Fordismo e la produzione di massa.
Il Total Quality Management (TQM) e Toyota
Il business process reengineering (BPR).
L’ innovazione
Le funzioni aziendali e la gestione dei processi.
Organizzazione e gestione delle risorse umane.
I principali modelli di management delle imprese di servizi.

Bibliografia

Sabbadin E., Negri F. (2010). Economia e Management per il marketing. Torino:G. Giappichelli Editore, ISBN: 9788834816530 (tutti i capitoli).

Dispensa e slide a cura del docente

Negri F. Sabbadin E. Economia e Management per il marketing. p. 1-248, Torino, Giappichelli Editore, 2010.
Leander Kahney, Nella testa di Seve Jobs, Milano; Sperling & Kupfer, 2008.

Metodi didattici

Acquisizione delle conoscenze: lezioni frontali
Acquisizione della capacità di applicare le conoscenze: esercitazioni
Acquisizione dell’autonomia di giudizio: durante il corso gli studenti verranno stimolati a individuare pregi e difetti degli strumenti manageriali.
Acquisizione delle capacità di apprendimento: per ogni argomento si partirà dalla illustrazione del problema da risolvere e si analizzeranno criticamente le soluzioni adottate.
Acquisizione del linguaggio tecnico: durante l’insegnamento verrà illustrato il significato dei termini manageriali

Tali risultati in termini di conoscenze e capacità di comprensione saranno conseguiti mediante l’impiego combinato di lezioni frontali e di simulazioni

Modalità verifica apprendimento

Esame in forma scritta.
La verifica dell’apprendimento sarà effettuata mediante una prova finale in forma scritta, il livello di conoscenza e la capacità di comprensione dei contenuti più rilevanti del corso saranno accertate con 10 domande a risposta multipla, ogni risposta esatta ha il valore di un punto.
La capacità di applicazione concreta delle conoscenze saranno accertate mediante il calcolo di alcuni indici oggetto del programma e questa sezione dell’accertamento pesa 1/3 del voto complessivo (10 punti su 30).
L’autonomia di giudizio, la capacità di comunicare e di aver acquisito un linguaggio tecnico specifico adeguato sarà verificata mediante tre domande aperte focalizzate su casi aziendali oggetto del programma e/o su brevi studi di settore che dovranno essere completati in alcune parti (il peso di quest’ultima sezione d’accertamento è pari a 1/3 del voto complessivo, 10 punti su 30).

La verifica dell’apprendimento avviene attraverso una prova finale in forma scritta.
La verifica dell’apprendimento sarà effettuata mediante una prova finale in forma
scritta (obbligatoria) e orale facoltativa. Il livello di conoscenza e la capacità di
comprensione dei contenuti più rilevanti del corso saranno accertate con 10
domande a risposta multipla, ogni risposta esatta ha il valore di un punto.
La capacità di applicazione concreta delle conoscenze saranno accertate mediante
il calcolo di alcuni indici oggetto del programma e questa sezione dell’accertamento
pesa 1/3 del voto complessivo (10 punti su 30).
L’autonomia di giudizio, la capacità di comunicare e di aver acquisito un linguaggio
tecnico specifico adeguato sarà verificata mediante tre domande aperte focalizzate
su casi aziendali oggetto del programma e/o su brevi studi di settore che dovranno
essere completati in alcune parti (il peso di quest’ultima sezione d’accertamento è
pari a 1/3 del voto complessivo, 10 punti su 30).

Altre informazioni