MATEMATICA FINANZIARIA (SEM)

Crediti: 
6
Settore scientifico disciplinare: 
METODI MATEMATICI DELL'ECONOMIA E DELLE SCIENZE ATTUARIALI E FINANZIARIE (SECS-S/06)
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Semestre dell'insegnamento: 
Primo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

Conoscenza e capacità di comprensione:
Nel corso sono illustrate le principali caratteristiche e le modalità di utilizzo di modelli e metodi quantitativi elementari per la valutazione di:
- strumenti finanziari e creditizi;
- flussi futuri (originati da titoli finanziari, investimenti produttivi, imprese, ecc.);
- struttura dei rendimenti e prezzi correnti dei titoli a reddito fisso.
I modelli trattati sono di tipo deterministico. Si forniscono anche alcuni cenni sui modelli di gestione degli investimenti in presenza di rischio finanziario, con particolare riguardo all’immunizzazione del rischio di tasso.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
Lo studente è messo nella condizione di saper eseguire le elementari valutazioni quantitative degli strumenti finanziari e creditizi, confrontare i prezzi di mercato dei titoli obbligazionari e delineare un problema di valutazione o scelta finanziaria.

Autonomia di giudizio:
Il corso intende stimolare la sensibilità finanziaria e la capacità di analisi critica richieste ad un laureato in discipline economico-aziendali che operi come gestore di fondi nel settore finanziario, come investitore nell’ambito di imprese industriali, commerciali, di servizi, di intermediazione
finanziaria, come fruitore di servizi creditizi nell’ambito di imprese industriali, commerciali, di servizi.

Abilità comunicative:
Lo studente acquisisce il linguaggio quantitativo-finanziario di base. E’ in grado di interpretare (e, se necessario, validare mediante lo svolgimento di calcoli autonomi) l’output dei software elementari di valutazione finanziaria, nonché di illustrarli a terze parti (ad esempio: ai fruitori di servizi finanziari). E’ inoltre in grado di comprendere ed illustrare gli
elementari criteri quantitativi di valutazione finanziaria, comunemente adottati nelle scelte finanziarie aziendali.

Capacità di apprendere:
Lo studente sviluppa la capacità di interpretare i problemi di natura finanziaria e di individuare gli strumenti quantitativi più opportuni per la risoluzione degli stessi. Lo studente impara ad utilizzare modelli quantitativi deterministici, anche in contesti aleatori. A quest’ultimo riguardo, apprende a valutare quali semplificazioni sia necessario
adottare per ottenere una rapida risposta e come interpretare i risultati a fronte di tali semplificazioni.

Prerequisiti

Ancorché non obbligatorio, si raccomanda di aver acquisito le nozioni di base del corso di Matematica Generale.

Contenuti dell'insegnamento

Capitalizzazione (montante), attualizzazione (valore attuale). Valutazione di rendite.
Prezzo e rendimento dei titoli obbligazionari. Struttura per scadenza dei tassi d'interesse (tassi spot e tassi forward). Il principio di non arbitraggio. Duration.
Contratti di prestito (ammortamento).
Valutazioni finanziarie. Valore Attuale Netto, Tasso Interno di Rendimento. Valore Attuale Netto e Economic Value Added.
Rischio di tasso. Immunizzazione.

Programma esteso

Disponibile online, sul sito dedicato all'insegnamento.

Bibliografia

M. D'Amico, E. Luciano, L. Peccati, Calcolo finanziario. Temi di base e temi moderni, Egea, Milano, 2011.

Metodi didattici

Durante le lezioni saranno presentati gli aspetti concettuali dei modelli, e mediante esercitazioni sarà discussa la loro applicazione a problemi
pratici. L'indicazione di problemi da svolgere autonomamente al di fuori delle ore d'aula fornirà la possibilità allo studente di potersi misurare nell'applicazione autonoma dei vari concetti presentati durante le lezioni frontali.

Modalità verifica apprendimento

Esame scritto.
Le conoscenze e la capacità di comprensione saranno accertate richiedendo lo svolgimento di tre problemi numerici (votazione massima conseguibile 18) e la risposta a tre domande brevi (votazione massima conseguibile 12).
Alcune parti dei problemi numerici saranno formulate in modo originale rispetto ai problemi svolti in aula, al fine di accertare la capacità di
applicare le conoscenze e la capacità di apprendere.
L’autonomia di giudizio e la capacità di apprendere saranno accertate con la richiesta di interpretare alcuni dei risultati numerici ottenuti.
Nello svolgimento dei problemi numerici e nelle risposte alle domande brevi lo studente dovrà dimostrare la propria capacità di comunicare con
linguaggio tecnico appropriato.